Super Bus

Sicilia Occidentale
5 Giorni

Sabato 13 Maggio

Punti di Partenza

INSERISCI LA TUA PROVINCIA DI RESIDENZA PER VISUALIZZARE I PUNTI DI PARTENZA VICINI

Aggiungi ai desideri questo evento e ti avvertiamo quando verrà riproposto o se sarà attivata una promozione

Condizioni

Rif. 5326

Prezzo 1: quota in camera doppia

Prezzo 2: supplemento camera singola

LA QUOTA COMPRENDE

 

Trasferimenti da/per aeroporto; Volo aereo; Bus GT per tutto il tour; Assicurazione medica e bagaglio; Hotel 4* con colazione; Pranzi dei giorni 2-3-4; Cene dei giorni 1-2-3-4; Ingressi e visite guidate; Tassa di soggiorno.

 

 

 

PRENOTAZIONE

 

La prenotazione è gratuita e non impegnativa. Invieremo la tua richiesta all'agenzia che organizza questo viaggio che ti contatterà per confermarti la disponibilità, i prezzi, le condizioni di acquisto e di recesso. Potrai quindi portare a termine l'acquisto (pagando direttamente l'agenzia) o annullare gratuitamente la prenotazione effettuata su questo sito. La prenotazione su questo sito non comporta nessun costo extra rispetto ad una prenotazione effettuata direttamente in agenzia.

Programma

GIORNO 1

 

Ritrovo dei partecipanti e trasferimento dai luoghi convenuti all’aeroporto di Milano Linate. Imbarco per volo su Palermo. Trasferimento con Pullman in centro città, pranzo libero. A seguire incontro con la guida per la visita del capoluogo siciliano una delle città più ricche di storia e di arte. La cappella Palatina fu definita da Guy de Maupassant la chiesa più bella del mondo. La costruzione della Cappella Palatina risalirebbe all’anno di incoronazione di Ruggero II, cioè al 1130. Sorta come oratorio privato del re entro il palazzo reale, oggi Palazzo dei Normanni, la cappella era un tempo isolata e pertanto se ne potevano vedere le cortine murarie esterne, percorse da alte ghiere a rincassi multipli. Attualmente la cappella è completamente avvolta dalle strutture del palazzo. Molteplici interventi eseguiti nei secoli hanno modificato il monumento preservandone comunque la struttura architettonica e parte dei mosaici. Situata in posizione dominante la sottostante piazza Bellini, la chiesa di Santa Maria dell’Ammiraglio, nota anche come “la Martorana“, deve la sua più comune denominazione alla presenza di un monastero benedettino femminile, fondato nel 1193 da Goffredo ed Aloisia de Marturano, al quale nel 1435 il re Alfonso “il Magnanimo” concesse la chiesa.La sua edificazione (1143-1185), si deve al grande Ammiraglio del Regno, Giorgio Antiocheno, come ringraziamento per l’aiuto e la protezione concessagli dalla Santissima Vergine. Al termine della visita guidata trasferimento in hotel a Palermo, cena in ristorante riservato e pernottamento.

 

 

GIORNO 2

 

Dopo la prima colazione in hotel trasferimento a Monreale per la visita guidata. Il Duomo di Monreale rappresenta uno dei più imponenti monumenti normanni in Sicilia, un autentico scrigno di bellezza e di meraviglia nato per affermare la potenza del re Guglielmo II detto Il Buono, una realizzazione artistica ricca di storia e di suggestioni, costruita durante una guerra per il potere. Il complesso del duomo, un intreccio di cultura bizantina, ro.manica ed islamica, è sorto durante le lotte tra le due fazioni contrapposte che si sfidarono nel XIII secolo. I colpi sferrati dai due contendenti per affermare il proprio dominio ed il proprio potere furono condotti in campo artistico e, una volta tanto, non sui terreni di guerra. A destra della facciata del duomo di Monreale si trova il chiostro dell’antico convento benedettino, con i suoi quattro lati lunghi 47 metri: un’opera mirabile dell’arte ro.manica. Le 228 colonne binate sono finemente decorate con pietre e mosaici e sorreggono gli archi a sesto acuto adornati con disegni geometrici. I capitelli raffigurano scene mitologiche e storie del Vecchio e dell’Antico Testamento. A seguire trasferimento a San Vito Lo Capo, pranzo tipico di pesce in ristorante riservato. San Vito Lo Capo è un piccolo ma prezioso gioiello paesaggistico italiano, conosciuto in tutto il mondo per essere un paese villaggio da cartolina. Il cuore dell’abitato si è sviluppato intorno all’odierno Santuario, un’antica fortezza che oggi è simbolo della cittadina siciliana e che nell’arco dei secoli ha subito svariati interventi. Si prosegue per la visita guidata di Erice. Un sito di una bellezza indimenticabile caratterizza Erice, antica città fenicia e greca, arroccata a 751 m di altezza sul monte che porta lo stesso nome, coronato da un altopiano di forma triangolare a terrazza sul mare.Le antiche mura di cinta della parte antica della cittadina testimoniano i fasti del passato della zona, la quale conserva il fascino dell’architettura normanna tra le sue intricate vie e il saliscendi delle sue strade. Tutto il centro abitato è inoltre puntellato di eleganti palazzi risalenti ai secoli che vanno dal XV al XIX, i quali conferiscono alla cittadina un aspetto elegante e raffinato. Al termine della visita trasferimento in hotel a Marsala, cena in ristorante riservato e pernottamento.

 

 

GIORNO 3

 

Dopo la prima colazione in hotel trasferimento per il porto di Trapani da cui si partirà per escursione alle Isole Egadi in motonave. Partenza da Trapani alle ore 09:30, navigazione per Favignana l’isola principale del piccolo arcipelago delle Egadi. Una natura selvaggia e aspra, un mare limpido e incontaminato, tradizioni antiche, un passato glorioso legato ai fasti della famiglia Florio e alle gloriose tonnare, attive fino a qualche decina di anni fa: tutto questo è Favignana. Partendo da Favignana si costeggerà l’isola con soste nelle calette più belle e suggestive. Seguirà il pranzo a bordo. Ultimato il pranzo si farà rotta su Levanzo dove si farà una sosta in porto di circa un’ora, utile per visitare il piccolo villaggio di pescatori. Partendo da Levanzo si costeggerà il Faraglione di Levanzo, le calette più belle, come Cala Fredda e Cala Minnola, in cui si farà un’altra sosta. Infine si farà rotta per il ritorno al porto di Trapani. Rientro in hotel a Marsala, cena in ristorante riservato e pernottamento.

 

 

GIORNO 4

 

Dopo la prima colazione in hotel partenza per Agrigento per visita della Valle dei Templi, dove tra i mandorli sorgono i resti dell’antica Akragas, definita da Pindaro “la più bella città dei mortali”. Si potranno ammirare il tempio di Giunone, quello della Concordia, il tempio di Ercole. Articolata su terrazzi in cima ad un altopiano e con il suo impianto urbanistico a scacchiera, Akragas, fu una delle città greche più importanti della Sicilia. Nel V sec. a. C. ebbe probabilmente il suo più grande periodo di espansione sotto il regno del tiranno Terone, e fu proprio allora che fu edificata la maggior parte dei templi dorici della città, testimonianza della gloria e del benessere di Akragas. Al termine della visita pranzo in ristorante riservato e seguire sosta alla Scala dei Turchi,una falesia bianca come il latte che si erge a strapiombo sul mare. La Scala dei Turchi si trova a Realmonte, in provincia di Agrigento, sembra scolpita dalla sapiente mano di un artista e protegge alcune tra le più belle spiagge della Sicilia. È costituita da una roccia sedimentaria di natura calcarea ed argillosa, la marna, dal caratteristico colore bianco. Al termine della visita rientro in hotel a Marsala, cena in ristorante riservato e pernottamento.

 

 

GIORNO 5

 

Dopo la prima colazione in hotel visita della piccola e tonda isola di Mothia, posizionata al centro dello stagnone di Marsala. Grazie alla sua felice posizione geografica, al centro del mediterraneo, fu in passato una delle più floride colonei puniche del mediterraneo. Coinvolta nel VI secolo a.C. negli scontri tra greci e cartaginesi per il dominio della Sicilia , viene cinta da mura affinché si potesse migliorare la sua difesa. Dionisio il Vecchio, tiranno di Siracusa, assediò e distrusse la città nel 397 a.C., costringendo i suoi abitanti a rifugiarsi sulla terraferma nella colonia di Lilibeo, ovvero l’attuale Marsala. Dopo la battaglia delle Isole Egadi nel 241 a.C. la Sicilia passò sotto il dominio ro.mano (ad eccezione di Siracusa) e Mozia già allora doveva essere quasi del tutto abbandonata. Fu Giuseppe Whitaker a riscoprire Motya, era questi un nobile inglese la cui famiglia si era stabilita in Sicilia, la sua casa è ancora oggi sull’isola ed è stata trasformata in un museo. Proseguimento per Trapani per il pranzo libero. Pomeriggio vista del Tempio di Segesta. Situato in splendida posizione, tra dolci colline dai colori ocra e rosso bruno che formano un piacevole contrasto con le infinite tonalità di verde, il Parco Archeologico è dominato dalla mole dell’elegante tempio dorico. Proseguimento per aeroporto di Palermo e imbarco sul volo di rientro su Milano Linate. Al termine delle procedure di sbarco rientro con pullman ai rispettivi luoghi di partenza.

 

 

Ti servono informazioni per questo viaggio? Contattaci

Aggiungi ai desideri questo evento e ti avvertiamo quando verrà riproposto o se sarà attivata una promozione